Articoli marcati con tag ‘recensione the first moon’

“The first moon”dei Two Moons

Two MoonsDa quattro menti ambiziose parte nel vicino 2009 il progetto dei Two Moons che vede la sua formazione nella città di Bologna.  In pochissimo tempo la band riesce a dare forma al primo lavoro, un EP disponibile ormai da qualche mese nei diversi music store online.

Un ambiente  psicologico ed introverso emerge da questo EP d’esordio intitolato semplicemente “The first moon”, nel quale si apprezzano quattro brani dal carattere particolare e caratterizzante dei Two Moons. Il genere proposto richiama a sé diverse sfumature che si avvicinano al dark wave che verso la fine degli anni ’70 e nei primi ’80 si diffondeva tra le nuove generazioni di quegli anni; e se lo scopo della band era quello di fare un salto indietro e  far rivivere quei momenti, evidentemente il disco si traduce in un esperimento riuscito.
I Two Moons mostrano determinazione e sicurezza in questo primo lavoro nel quale appaiono con chiarezza diverse idee originali e piene di buoni presupposti, obbligatori quando l’intenzione è quella di discostarsi dagli standard e proporre qualcosa di innovativo. Di questo cd assaporiamo le elettrizzanti  “My Oxigen”, “Lost”, “Turn Off” e “Cloud”, tutti dei validissimi brani che potrebbero diffondersi facilmente tra gli amanti del genere, ognuna con una propria qualità. La voce assume un ruolo fondamentale e centrale, calda al punto giusto ma sempre mantenendo un appropriato distacco combinata nella giusta armonia ad un cocktail omogeneo di suoni. La produzione del disco ha complessivamente dimostrato come il progetto potrebbe essere portato avanti con successo e con la giusta ambizione, tutto dipende da come queste ottime idee potranno essere sfruttate e realizzate in un prossimo lavoro che noi speriamo di poter conoscere ed ascoltare  presto!

LineUp:
Nils, Emilio, Mr. Rips, Ale

The First Moon:
01. My Oxigen
02. Lost
03. Turn Off
04. Clouds

WebSite: http://www.twomoons.it/
Myspace: http://www.myspace.com/2moonsproject

[Recensione a cura di Ida Parlavecchio]