Articoli marcati con tag ‘recensione dodici storie nere’

Ecco le “Dodici storie nere” de Il Club dei Vedovi Neri

il club dei vedovi neriNascono le “Dodici Storie Nere”, raccontate con eleganza e classe dal Club dei Vedovi Neri. Un altro lavoro in grado di discostarsi dalla musica italiana standardizzata per proporre un lavoro insolito e distintivo.

“Dodici storie nere” è l’album d’esordio di questa band, legata particolarmente alla nostra lingua che chiaramente è comprensibile ed aperta a tutti e contribuisce ad esaltare la trasparenza e l’identità della band.
La musica qui proposta è inserita perfettamente in un contesto il cui scopo è quello di ricreare un ambiente che ricorda quello tipico dei cantastorie anglosassoni. Così è facile ricordare le popolari ballate inglesi, in chiave italiana ed ovviamente più moderna ed innovativa.
Le dodici oscure storie studiate per dodici brani vengono narrate attraverso il linguaggio comune, che è proprio quello musicale, seguendo una concezione che si allarga ad abbracciare più di un genere in modo da creare un lavoro variegato e piacevole per un pubblico allargato e misto. Importanti e fondamentali, assieme alla voce calda ed intima di Francesco, sono i testi che esprimono e raccontano di emozioni, fantasie, tormenti e paure dei protagonisti. I brani, tanto espressivi quanto stravaganti, meritano un acuto ed attento ascolto per una buona comprensione dei testi e delle parole. Alcuni ricordano la famosa “Geordie” di Fabrizio De Andrè, in particolare la nona traccia, “Dicembre”. Da ogni brano è possibile estrarre il tocco personale e caratterizzante, ingrediente che rende i brani l’uno diverso ed autonomo rispetto all’alto. La chitarra è seconda protagonista e conduttrice dei suoni e delle musiche che creano un immaginario contesto coerente ai testi ed ai racconti.

Un insieme di storie che mostrano un certo livello musicale ed una certa qualità. Musiche italiane oscure e mistiche indubbiamente piacevoli da ascolto hanno le basi per rendere il disco interessante ed avvincente.

Track List:
01. Letizia
02. E’ l’ultimo
03. Lungo il fiume
04. Meglio di niente
05. Il giorno di una rosa
06. Quando canta il gallo
07. Il violinista
08. Presto o tardi
09. Dicembre
10. Non è un sogno
11. Seconda pelle
12. Tra le sue mani

Registrato e Mixato da: Claudio Brizi e Massimiliano Giannuzzi
Claudio Brizi: chitarra, basso, piano, ukulele, mandolino, armonica
Francesco Casarini: testi, voce, armonica, percussioni
Davide Barbatosta: tromba
Paolo Carloni: piano
Giulia Matteucci: voci
Renato Raineri: batteria

MySpace: http://www.myspace.com/ilclubdeivedovineri
Sito Web: http://www.vedovineri.it/

[Recensione a cura di Ida Parlavecchio]

livestreaming