Articoli marcati con tag ‘fuoco e ombra medea’

Il primo EP dei Medea: un lavoro eccellente!

MedeaGià a partire dal 2004, anno della formazione, i Medea riescono a collezionare diverse esibizioni costruendo man mano un buon curriculum musicale facendosi notare. L’impegno e l’esperienza artistica maturata permette ai Medea di scostarsi dalla  fase di cover-band e nel 2007 i ragazzi cominciano a dedicarsi alla composizione dei  propri brani.

I Medea propongono un rock sano e raffinato, con un punto di forza che va dato anche per i testi in italiano, una scelta apprezzabile visto che in genere è evitata dalla maggior parte delle band del nostro Paese.
Questo primo EP che i Medea propongono dà subito l’idea di un progetto valido e notevolmente curato, indice di un’eccellente produzione.  I  quattro brani sono tutti caratterizzati da suoni puliti e precisi e da una sintonia comune che riesce a sviluppare un suono globale e genuino.
I pezzi esprimono soprattutto naturalezza e spontaneità, si riesce dunque nell’intento di fare presa sul ascoltatore soprattutto per quelle ottime soluzioni testuali che si presentano puntuali in tutti i brani. Punto forte della prima traccia, “Come neve”,  è proprio la leggerezza con cui le note vengono articolate e fatte crescere assieme alle parole, belle nella loro semplicità ma mai banali. La musicalità della seconda traccia, “Autofobia” mostra un’altro punto forte dei Medea: la tecnica delicata dei singoli musicisti e soprattutto i sottili incroci tra chitarra e basso, suoni che si inseguono e si completano a vicenda incontrandosi con armonia. Il tocco della batteria è ben curato e l’ideale, un ritmo calzante che senza pretese accompagna tutto il pezzo. La vena rock emerge maggiormente in “Fuoco e Ombra” con la quale si può prendere spunto per una importante considerazione: i Medea sanno utilizzare la propria maturità musicale e padronanza dello strumento senza eccedere o penalezzare i testi, un aspetto rilevante e che giustifica anche la scelta della nostra lingua e i testi risultano in tal modo accessibili e  penetranti. L’EP assicura un continuo interesse per tutta la sua durata fino all’ultimo brano, “Liberamente”, che è davvero d’effetto. L’ascolto di questo brano è stato indubbiamente piacevole, tanto per la musicalità quanto per il tema proposto che crea un’atmosfera viva ed incisiva.
Possiamo confermare che i ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro ed possono andarne fieri. Ammettiamo che noi di Rock Revolution avremmo ascoltato volentieri un’altra decina di brani dei Medea, una band che si rivela tecnicamente matura e pronta ad incidere un vero e proprio album!
Nel frattempo consigliamo vivamente questo progetto musicale che può interessare non soltanto gli amanti di un genere particolare.
Cosa aggiungere oltre ai complimenti e ai migliori auguri ai Medea per una carriera musicale ricca di soddisfazioni?

Componenti della band:
Ross Maya (alias Rosario Megna): voce e cori
Gae Cinà: batteria e congas
Dave Vitellaro: chitarre
Ciccio Biondo:  basso

MySpace:   http://www.myspace.com/medeaband

 

 

[Recensione a cura di Ida Parlavecchio]