Quattro ragazzi, mettono in piedi una piéce musicale instabile e precaria. Paradogma è un progetto (?) che ancora ora cerca di definirsi. Non è l’arrivo del tragitto fatto di prove, registrazioni, arrangiamenti, testi e quant’altro… è il tragitto stesso, verso un arrivo non meglio precisato.
Cominciato all’inizio del 2011, il progetto, trova le sue basi nel prog/art rock anni settanta. Tratti prevalentemente distorti e voce spesso recitata, però, lo riconducono ai nostri giorni, sul filone contemporaneo di grandi influenze come Il Teatro degli orrori, Marlene kuntz, Massimo Volume alla ricerca di un personale vocabolario.

Il lavoro in studio è da subito accompagnato a diversi live. Paradogma comincia a dare una traccia di se nel 2011, nel 2012 ha la possibilità di far conoscere nell’ hinterland palermitano la propria musica, grazie a diversi live. A Febbraio 2012 cominciano le registrazioni (rigorosamente in presa diretta) del primo EP ufficiale della band “Filastrocche per paguri senza dimora” che esce l’ 1 Luglio dello stesso anno. L’EP, autoprodotto, contenente 5 brani, è stato registrato e mixato da Gaspare Biondo al Martinetto Studio. La copertina è stata firmata dall’artista Daniele Baiamonte, mentre un altro artista, Antony di Leonardo, ha curato l’artwork del disco. Durante il 2012 la band promuove il lavoro con una serie di live in attesa di chiudersi in studio per lavorare al primo album ufficiale. A partire dalla seconda metà del 2013 vengono composti altri brani che confluiranno nel primo album ufficiale, tuttora in lavorazione, che vedrà la luce in autunno 2014 ed è stato registrato all’Extra Moenia Studio a Palermo da Fabrizio Fortunato e Valerio Ragusa.

Condividi!